dsc_4992maskL’educazione ambientale è una strategia formativa che opera mettendo in relazione le persone con l’ecosistema, con l’obiettivo di sviluppare comportamenti positivi per la conservazione del patrimonio ambientale, inteso in senso ampio (naturale, storico e culturale) attraverso l’educazione alla natura in senso stretto, fino alla progettazione partecipata, allo sviluppo sostenibile ed alla cittadinanza attiva.

Il concetto di educazione ambientale è stato citato per la prima volta nel 1965 alla Conferenza di Bangkok come uno degli strumenti a cui fare ricorso per la conservazione della natura. Ma solo negli ultimi decenni si sono adottate politiche rivolte allo sviluppo sostenibile, dopo aver percepito il pericolo di compromettere in maniera irreversibile l’ambiente e la qualità della vita attuale e delle generazioni future.

Per questo motivo, da sempre, l’Educazione Ambientale si caratterizza per il fatto di proporre, in relazione alla sensibilità delle persone, dimensioni educative profonde e rivolte al cambiamento sociale e personale, nel rispetto delle differenze e per la costruzione di un mondo responsabile, migliore e in linea con il rispetto della natura. Inoltre, l’espressione “educazione ambientale” in particolare è spesso usata per intendere l’auspicato insegnamento di questo tema all’interno del sistema scolastico, dalla scuola primaria alla post-secondaria italiana; è anche adoperata in maniera più estensiva per indicare tutti gli sforzi per educare il pubblico servendosi di materiale stampato, siti web, campagne nei mass media ecc..

Il Corpo Guardie Ambientali Metropolitane, coerentemente con questi principi, svolge attività di promozione dell’informazione ambientale, in collaborazione con altri Enti, associazioni o con insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado.

02dsc_5025mask